- Redazione

Cervia. Sono vietati ai maggiori i corsi per bambini per diventare marinai di salvataggio sulle spiagge di Cervia alla seconda edizione. Dopo il successo dell’anno scorso si replica quello che per i più piccoli è un gioco ma per i genitori è anche un’esperienza didattica per parlare di sicurezza e salute. I bimbi vanno in mare con i “baby mosconi” realizzati come quelli “veri” ma a misura di bambino, unici in Italia e alla fine ritirano il diploma di “babybaywatch”.

Partiamo dai “baby mosconi”, i mosconi rossi a misura di bambini che la cooperativa bagnini di Cervia fece realizzare nel 2010 dalla rinomata ditta De Biagi, gli artigiani che costruiscono, da sempre, i classici mosconi rossi per il salvataggio. L’idea sei anni fa era quella di insegnare la voga ai bambini dando loro le stesse possibilità e gli stessi strumenti della scuola di voga per adulti. Dall’anno scorso queste deliziose imbarcazione sono protagoniste dei corsi per “baby baywatch”, alla seconda edizione sulle spiagge di Cervia dopo il grosso successo dell’estate 2016.

I corsi per “baby baywatch” sono legata al progetto “Spiaggia sicura” e l’intento è quello, oltre che far divertire i bimbi, di informare e formare i bambini sulla sicurezza in mare ma divertendosi. Si articolano tra la lezione teorica dei marinai di salvataggio, che raccontano come comportarsi in spiaggia e in acqua: dall’alimentazione ai danni del sole sulla pelle, dalle regole del bagno in mare ai significati delle bandiere e alle caratteristiche della fauna marina, e la voga. In mare i bambini escono insieme ai marinai, sui piccoli mosconi, rigorosamente rossi e attrezzati al salvataggio. Infine ogni bambino porta a casa il suo diploma di “baby baywatch”.

I corsi, organizzati dalla Cooperativa bagnini di Cervia sono completamente gratuiti e hanno come insegnanti i marinai di salvataggio. L’anno scorso in tre appuntamenti si sono “diplomati” più di 250 bambini.