- Redazione

Ravenna. Un’asta di beneficenza e il concerto della Banda Brigata Folgore per contribuire alla ricostruzione dell’ambulatorio di Ussita, nelle Marche, gravemente danneggiato durante il terremoto del mese di ottobre 2006.
Le iniziative, avviate dall’associazione Rianimazione letteraria con il patrocinio del Comune e con la collaborazione e l’intervento di attività commerciali, istituzioni e singoli cittadini, si sono tenute nell’ospedale Santa Maria delle Croci nei giorni scorsi.
La banda della Folgore ha intrattenuto con il proprio repertorio musicale i degenti e il personale ospedaliero, accompagnando lo svolgimento dell’asta delle opere di artisti quali Andrea Bernabini, Anna Fietta, Paolo Pizzimenti, Marco Miccoli, Leonardo Goni e Michele Palazzo.
Il concerto della Folgore è proseguito in piazza Kennedy dove è stato apprezzato da cittadini e turisti. Grazie a entrambe le iniziative sono stati raccolti e donati a Ussita 2.270 euro.
“Si è trattato – afferma il vicesindaco Fusignani – di un’iniziativa che ho subito sostenuto insieme a Saverio Rametta, tenente colonnello, comandante del Poligono foce Reno, a Lorenzo Merola, primo maresciallo, sottufficiale di Corpo del Comando Poligono foce Reno e all’Azienda sanitaria locale. La nostra città è sempre pronta e disponibile quando è necessario fornire aiuto e solidarietà e mi preme perciò ringraziare l’associazione Rianimazione letteraria e complimentarmi con tutti coloro che si sono aggiunti consentendo di contribuire al raggiungimento dell’obiettivo finale, quello di ricostruire l’ambulatorio della cittadina in provincia di Macerata, a ridosso dei monti Sibillini”.
Tra i tanti che hanno voluto dare il proprio contributo, anche acquistando le opere messe all’asta, il Cral dell’ospedale Santa Maria delle Croci, il presidio ospedaliero ravennate, Elios digital print, Fellini scalino 5, OMN Officine macchine navali, Davide Padovan da Stunt city Mirabilandia, Il Resto del Carlino, Leo club Ravenna.
Sono allo studio dell’associazione Rianimazione letteraria altre iniziative benefiche volte a donare a Ussita l’ambulatorio di cui avrà bisogno appena la popolazione potrà fare ritorno nelle casette che saranno predisposte a partire dal prossimo mese di ottobre.