- Redazione

Bologna. Daniela Poggiali, l’ex infermiera dell’ospedale di Lugo parla per la prima volta dopo la sua assoluzione delle foto scattate in ospedale sorridente accanto ad una paziente di 102 anni appena morta sono “brutti e irrispettosi, immorali, per i quali però ho già pesantemente pagato con il licenziamento nel posto di lavoro”.
:”Non sono un serial killer e finalmente posso dire che giustizia è stata fatta” E’ la stessa Poggiali a dichiararlo a Mattino Cinque,  assolta a luglio dall’accusa di aver ucciso col potassio la 78enne Rosa Calderoni.
Per queste foto ha detto la stessa Poggiali  “mi sono scusata tramite il mio avvocato con i familiari della signora, di più non posso fare se non dire che in un particolare contesto lavorativo, dove lavoravo in quel periodo, molto stressante e soprattutto a livello emotivo, dove sei sempre a contatto con la morte, la sofferenza tutti i giorni e il dolore, uno può fare un atto che può sembrare stupido, immorale, irrazionale ma non c’è niente di malvagio come hanno voluto far passare”.