- Redazione

Ravenna. Disposta l’autopsia dalla Procura di Ravenna per chiarire le cause della morte di una donna di 81 anni, la donna sarebbe deceduta l’11 maggio in una clinica della città bizantina. Secondo i familiari, che hanno presentato l’esposto grazie al quale sono tate aperte le indagini, l’anziana potrebbe essere deceduta per la somministrazione eccessiva di un farmaco e quindi intossicata. La donna era ricoverata dal 25 aprile per un’infezione e una sospetta frattura, ma nei giorni successivi ha iniziato ad accusare forti difficoltà a deglutire e alcuni fastidi alla bocca, che le hanno poi provocato una crisi, nella notte tra il 10 e l’11, che l’hanno condotta alla morte la sera successiva. Pare che da un colloquio tra i figli e i medici sarebbe emerso che un farmaco che l’anziana doveva prendere in dose settimanale, le è stato dato in dose giornaliera. Tre sarebbero le persone indagate.

Ricordiamo che il fatto è avvenuto in una clinica di Ravenna e non all’Ospedale