- Redazione

Lo stress può essere pericoloso per il cuore: infatti, se non controllato, lo stress può portare ad un significativo aumento della pressione e del colesterolo, danneggiare le arterie e favorire irregolarità del battito cardiaco.

Al contrario, riuscire a reagire bene allo stress aiuta a ridurre il rischio cardiovascolare sul lungo termine.

Esistono infatti delle tecniche di rilassamento che aiutano a gestire lo stress, migliorando così la quotidianità, le relazioni interpersonali, la vita lavorativa e, non ultima, la salute. A suggerirne alcune sono gli stessi esperti della Cleveland Clinic.

La respirazione profonda, ad esempio, aiuta a combattere una tipica risposta del corpo allo stress. In periodi fortemente stressanti, infatti, i muscoli diventano tesi. In questa situazione il respiro diventa meno profondo e la sua frequenza aumenta nel tentativo di rifornire l’organismo di più ossigeno. Concentrarsi sulla respirazione, aumentando la profondità di ogni respiro aiuta la muscolatura a rilassarsi e, quindi, a combattere l’effetto dello stress e dell’ansia.

Un altro possibile approccio è quello dell’immaginazione focalizzata, che aiuta a scacciare lo stress concentrandosi su un pensiero rilassante. Infine, si può trovare sollievo anche nel biofeedback. In questo caso è indispensabile affidarsi a uno psicologo esperto che, in più incontri, aiuterà a individuare il modo più efficace per ridurre lo stress e i suoi effetti sull’organismo monitorando tensioni muscolari, battito cardiaco e altre funzioni vitali mentre si tenta di rilassarsi.

Molte volte ci autoconvinciamo che siamo forti e che possiamo andare avanti senza l’aiuto di nessuno. In realtà sia lo stress che l’ansia sono affrontabili in uno studio di psicoterapia.
Se vi trovate in Romagna potrete rivolgervi alla Dott.ssa Monica Mambelli a Forlì, oppure alla Dott.ssa Caterina Greco psicologa di Cesena, o alla Dott.ssa Stefania Fabbri a Rimini.