- Redazione

Forlimpopoli.”A Forlimpopoli l’amministrazione comunale ha dovuto sospendere momentaneamente dal nido due bimbe che i genitori non avevano voluto vaccinare nel corso dell’estate. Una scelta dolorosa, ma giusta sia dal punto di vista della tutela della salute che dal punto di vista dl diritto. Se fossi stato nel sindaco Mauro Grandini e nell’assessore Sara Pignatari avrei fatto la stessa cosa.” comunica il Parlamentare Marco di Maio “Perchè nonostante il caos e le contrastanti dichiarazioni di questo governo, è tuttora in vigore la legge che ha stabilito l’obbligo di vaccino per poter effettuare l’iscrizione a nidi e scuole dell’infanzia. E’ una misura che serve a preservare la salute dei nostri figli e dei loro compagni di classe che, per motivi medici, non possono vaccinarsi, rischiando così di essere contagiati da chi deliberatamente sceglie di mettere a rischio la propria e la salute altrui.” e conclude “La sospensione dalla frequenza è comunque reversibile: cioè una volta effettuati i vaccini mancanti, il bambino può tranquillamente tornare a scuola. Una norma che stiamo difendendo anche in queste dal tentativo del Governo attraverso il decreto “Milleproroghe” di indebolirla, allentarla e infine abolirla. Non lasciamoci incantare da chi racconta bugie antiscientifiche e talvolta pericolose, cercando lo scontro assurdo tra politica e scienza.”