- Redazione

Ravenna. La Polizia di Stato comunica di aere denunciato a piede libero madre e figlio minorenne, originari di Noto (SR), per il reato di truffa in concorso, di fatto concretizzatosi nella cd. truffa dello specchietto.
Alcuni giorni fa, una signora ravennate si presentava presso la Questura, riferendo che quella stessa mattina, mentre stava transitando nel centro cittadino, aveva sentito un colpo sulla carrozzeria della propria autovettura.
Non aveva dato importanza all’episodio ma poco dopo, fermatasi in un parcheggio, era stata avvicinata da una donna, a bordo di una vettura su cui vi era anche un ragazzo, che le aveva detto che le aveva rotto lo specchietto retrovisore esterno della sua vettura, mostrandole effettivamente lo specchietto lato guida infranto.
La p.o. aveva subito chiesto di dare lo scarico alle rispettive assicurazioni, ma la donna l’aveva convinta a pagare il danno immediatamente, in contanti, in quanto la cifra era esigua ed in tal modo non le sarebbe aumentato il premio assicurativo
Si era, quindi, recata presso un bancomat dove aveva prelevato la cifra richiesta, 50,00 euro, consegnandola al ragazzo che l’aveva accompagnata.
La donna resasi contro di essere stata vittima della truffa aveva sporto la denuncia per quanto accaduto.
Gli investigatori della Squadra Mobile verificando i dati forniti dalla parte offesa, all’esito dell’analisi dei sistemi di videosorveglianza pubblici e privati presenti in zona e grazie al continuo scambio informativo con gli altri uffici di Polizia sul territorio nazionale riuscivano ad identificare i responsabili, madre e figlio minorenne, entrambi residenti a Noto (SR) e con precedenti di polizia, la madre anche specifici e consumati anche con altri membri della stessa famiglia, che sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ravenna e presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna.