- Redazione

Cesena. Un confronto aperto tra tutti i partiti, quello volevano fare i c0mponenti della Lista Civica “Cesena Simao Noi”, solo che non hanno avvertito gli invitati di chi avevano invitato. E così è successo che il centro sinistra MDP e il Pd ha scoperto che si sarebbe dovuta trovare a dialogare con i neofascisti di Casa Pound. La Sinistra ha declinato l’invito, e poco dopo anche ”Cesena in Comune” e infine Potere al Popolo. CasaPound invece è andata al confronto con l’imprenditore Antonio Barzanti, candidato sindaco per Casa Pound  e il medico capolista, Rudy De Astis. E alla fine al confronto si è trovata solo la destra Cesenate.

Queste le parole chiave espresse dal PD ”Riteniamo che aver allargato l’invito ai rappresentanti di Casa Pound, determini un’incoerenza di fondo da parte di Cesena Siamo Noi,  oltre che valoriale, con i temi proposti: proclamarsi antifascisti e contestualmente legittimare chi rivendica l’adesione a ideali giudicati criminali dalla Storia con un invito ad una serata di democrazia e libertà sia una contraddizione politica che non possiamo in alcun modo ignorare. Per questo, nella piena condi-visione della posizione comunicata da Enzo Lattuca, anche noi non parteciperemo all’incontro.”

 ”Vogliamo sottolineare, a chi giudichi questa nostra posizione come un deficit di democrazia, che non saremo presenti proprio perché coerenti con la nostra storia, in nome dei Valori di democrazia, di libertà di opinione, di uguaglianza, di rispetto della dignità umana, di stato di diritto” ha aggiunto poi MDP.
Anche Davide Fabbri candidato di ‘Cesena in Comune‘ ha sostenuto questa volta le scelte del PD e del Candidato Sindaco Enzo Lattuca: “Il candidato a sindaco di Cesena Enzo Lattuca dice una cosa buona e giusta. Mi associo al suo stupore e alla sua indignazione. La Lista civica Cesena SiAmo Noi ancora una volta sui temi dell’antifascismo  -piscia fuori dal vaso- “. Potere al Popolo: “Noi non partecipiamo ad incontri pseudo-politici di forza civiche ambigue e pressapochiste, che direttamente o indirettamente legittimano forze di estrema destra o di ispirazione neofascista.”
Gli organizzatori ci segnalano che erano presenti Possibile ed Ermes Zattini di Sinistra Italiana