- Redazione

Domani, mercoledì 13 febbraio sarà una giornata molto importante per gli oltre 70 operatori turistici cervesi che parteciperanno ad una visita guidata d’eccezione. Organizzata da Confcommercio Ascom Cervia, i partecipanti assisteranno alla presentazione direttamente dal Direttore Generale della mostra Gianfranco Brunelli, alla scoperta delle oltre 150 opere d’arte esposte presso i Musei San Domenico di Forlì (tra quadri e statue).

La grande collaborazione tra Confcommercio Ascom Cervia e i Musei San Domenico continua dal 2006.

Ieri, lunedì 11 febbraio – presso lo stand della Regione Emilia-Romagna alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano – si è svolta la conferenza stampa di presentazione della ”Mostra Ottocento. L’Arte dell’Italia tra Hayez e Segantini” .

Nell’occasione, sono state annunciate le proposte turistiche promosse da Confcommercio Ascom Cervia, in collaborazione con Apt Servizi, Cervia Turismo e Romagna Fulltime.

Con la mostra “Ottocento. L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini”, ai Musei di San Domenico fino al 16 giugno 2019, Forlì indaga, grazie ad una selezioni di 150 pregevoli opere realizzate da 90 artisti, il secolo più fertile, focalizzandosi sui sessant’anni che intercorrono tra l’Unità d’Italia e lo scoppio della Grande Guerra: dal Romanticismo al Purismo e Realismo, dall’Eclettismo storicista al Simbolismo, dal Neorinascimento al Divisionismo. La mostra presenta, nella loro più importante produzione, artisti come Hayez e Segantini, pittori del rinnovamento dell’arte italiana. Se Hayez viene consacrato da Mazzini pittore della nazione, Segantini avrà da D’Annunzio, nella sua Ode in morte del pittore, analogo alto riconoscimento. Accanto a loro Induno, Molmenti, Faruffini, Mussini, Maccari, Muzzioli, Morelli, Costa, Fattori, Signorini, Ciseri, Corcos, Michetti, Lojacono, Mancini, Previati, Morbelli, Nomellini, Tito, Sartorio, De Nittis, Pellizza da Volpedo, Boccioni, Balla. Non mancano gli scultori come Vela, Cecioni, Monteverde, Gemito, Canonica, Bistolfi.

Una straordinaria occasione di far conoscere tanti altri artisti sorprendenti, oggi ingiustamente dimenticati (www.mostraottocento.com).

 

Piero Boni, Presidente Confcommercio Ascom Cervia dichiara: «L’ importante collaborazione con i Musei San Domenico di Forlì, in corso da 13 anni, ci conferma che la cultura è una componente fondamentale per elevare l’offerta turistica. Assieme all’associazione “Cervia, la spiaggia ama il libro” il percorso intrapreso dal 2006 non si è mai fermato. Lo scorso anno, abbiamo raggiunto un grande traguardo dedicando speciali pacchetti turistici Mare e Mostra. Quest’anno un passo ulteriore: una nuova e importante collaborazione con “Museo e Parco Archeologico di Classe” e il direttore della Fondazione RavennAntica Sergio Fioravanti; un valore aggiunto che ci ha permesso di integrare i pacchetti promozionali alla scoperta del nostro territorio – disseminato di cultura. In questo modo, nel 2019, i turisti potranno visitare la Romagna in momenti dell’anno slegati dalla stagione balneare e dal clima, imparando a conoscere la Romagna come contenitore di siti storici e artistici di rinomanza internazionale. Con un unico soggiorno sarà possibile unire Cervia ai poli culturali di Forlì e Ravenna e, in un unico soggiorno, scoprirne tutte le meraviglie”