- Redazione

Torna l’appuntamento con la seconda edizione di Maggio Faentino, contenitore nato dall’impegno di cinque eventi a fare squadra e proseguire nel racconto del territorio iniziato lo scorso anno, in un continuum tra musica, arte, sport, cultura ed enogastronomia. Una manifestazione itinerante alla scoperta di Faenza e dintorni, che inizierà a Faenza e Brisighella con BorgoIndie (4-5 maggio), per spostarsi a Castel Raniero con La Musica nelle Aie (9-12 maggio) e proseguire poi nel cuore di Faenza con Distretto A Weekend (17-19 maggio) e Buongiorno Ceramica! (18-19 maggio). Infine, percorrerà gli Appennini con La 100km del Passatore (25-26 maggio).
Patrocinato dall’Unione Romagna Faentina e supportato dal Comune di Faenza, Maggio Faentino si pone l’obiettivo di dare una visione di insieme dell’offerta culturale e turistica del territorio, capace di reinventarsi ogni anno e offrire al pubblico sempre nuove occasioni di partecipazione e scoperta. Un racconto del buon vivere di una Romagna faentina ospitale, che sceglie di promuovere i luoghi del suo territorio facendoli vivere in prima persona al pubblico e creando occasioni di incontro e aggregazione. Dalla natura di Castel Raniero, passando per gli appennini e le colline di Brisighella fino ai luoghi artistici e storici della città di Faenza, il territorio diventa così uno spazio aperto a tutti, in dialogo con enogastronomia, arte, musica, sport e cultura.
Quest’anno il calendario di Maggio Faentino sarà arricchito dal coinvolgimento di giovani studenti impegnati nei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, che saranno presenti a tutti gli eventi e verranno incaricati di illustrare il territorio e le manifestazioni in programma, garantendo uno spazio di informazione e animazione che coinvolgerà il pubblico presente. Si amplia così la narrazione delle manifestazioni e del territorio che le ospita, coadiuvato anche dalla presenza di blogger, chiamati a vivere e raccontare gli eventi con uno sguardo nuovo ed esterno.
Anche in questa seconda edizione, i cinque eventi in calendario saranno uniti da quel fil rouge che vuole mettere il pubblico al centro e renderlo protagonista di una connessione che andrà a toccare tutti e cinque i sensi: il profumo della natura nel mese di maggio, la musica che risuona nell’aria, le bellezze artistiche della città e delle installazioni temporanee, l’elogio dell’enogastronomia e la possibilità di sperimentare la consistenza dell’argilla fra le mani. Un’esperienza a 360° che il territorio faentino ha saputo accogliere e valorizzare negli anni, e che vuole condividere anche con tutti coloro che ancora non conoscono le potenzialità e i luoghi d’interesse della Romagna faentina.
Maggio Faentino raccoglie quindi la volontà di offrire al pubblico molteplici situazioni di scoperta e divertimento, in grado di trasmettere la vivacità culturale e aggregativa del territorio. Un filo comune che promuove l’attenzione verso il pubblico e la promozione culturale e turistica da parte di manifestazioni che credono nella bellezza di generare situazioni di incontro e condivisione.

Gli eventi in programma
Il primo fine settimana di maggio sarà BorgoIndie a dare il via agli eventi in programma. Quest’anno la manifestazione si dividerà tra il Chiostro della Commenda nel Borgo Durbecco di Faenza il 4 maggio e il chiostro del Convento dell’Osservanza nel borgo medievale di Brisighella il 5 maggio. Un appuntamento con le produzioni agricole e culturali indipendenti, che include al suo interno un mercato di vignaioli e prodotti agroalimentari Dop e Igp del territorio dell’Emilia-Romagna, degustazioni e conferenze, oltre a cene volte a raccontare in modo creativo specificità enogastronomiche territoriali e non solo, con una particolare attenzione verso il recupero e lotta allo spreco. Quest’anno la tappa faentina vede anche la collaborazione con l’associazione Raw Magna / Postrivoro.
A proseguire le danze – e non solo in senso figurato – sarà La Musica nelle Aie, il festival folk di Castel Raniero che si terrà dal 9 al 12 maggio. Festival per gli amanti della musica, della natura e del vino, Musica nelle Aie ha raggiunto in pochi anni una dimensione nazionale, diventando un appuntamento imperdibile per gli amanti del genere. La manifestazione prevede al suo interno un concorso musicale suddiviso nelle due sezioni autori e interpreti, a cui si aggiunge anche il premio del pubblico. In un tutt’uno con la terra, i musicisti si esibiranno sullo sfondo delle verdi colline di Castel Raniero, dove il pubblico potrà rilassarsi sdraiato sull’erba o ballando in totale libertà tra aie, strade e campi. Oltre alla musica, durante i giorni della manifestazione sarà possibile partecipare a visite guidate, picnic e incontri tematici passeggiando a piedi, nel rispetto dell’ambiente.
Il fine settimana successivo si intrecceranno invece due eventi dediti al racconto della dimensione artistica e culturale della città di Faenza. Il primo, Distretto A Weekend, è diventato ormai un vero e proprio punto di riferimento per la città e si divide anche quest’anno in una tre giorni dal 17 al 19 maggio tra cena itinerante, cibo di strada e arte, colazioni e visite guidate. La manifestazione, dedita al racconto del binomio cibo e arte, ha avviato una serie di azioni mirate in collaborazione con padroni di casa e ristoranti, incentivando l’utilizzo di materiali biocompostabili e confermandosi così una manifestazione dall’animo sempre più green. Un appuntamento che è sempre più cresciuto nel corso degli anni ma in cui il senso della festa è rimasto lo stesso: diffondere creatività e condividere esperienze all’interno del quartiere ad alta densità artistica della città. Tema dell’edizione 2019 è “Grazie, Prego”, un manifesto della gentilezza.
Il 18 e 19 maggio sarà invece la volta di Buongiorno Ceramica!, evento dedicato al mondo artistico ceramico che si svolge in contemporanea in oltre trentacinque città italiane di antica tradizione ceramica. Quest’anno, in aggiunta alla possibilità di visitare botteghe ceramiche, studi e atelier faentini che apriranno le loro porte al pubblico anche per workshop e mostre, la scoperta della ceramica passa anche attraverso il mercato che si svolgerà il 19 maggio in Piazza Nenni. Non mancheranno performance di tornianti e l’immancabile appuntamento con l’aperitivo del ceramista a chiusura della manifestazione, con bicchieri in ceramica e vini del territorio. Sarà non solo l’occasione per conoscere da vicino i ceramisti, ma anche per cimentarsi in prima persona nella creazione di un’opera al tornio o nel modellare e decorare l’argilla.
A chiudere le manifestazioni del Maggio Faentino sarà infine il 25 e 26 maggio la 47^ edizione della 100km del Passatore, gara podistica conosciuta in tutta Italia, che partirà dalla città di Firenze e che registra ad oggi 2550 iscrizioni. Una competizione entrata nel cuore di molti che coniuga sport, agonismo e aria aperta e che sarà ufficialmente anche campionato nazionale croato come accaduto nell’edizione 2015 della Cento. La Cento sposa quest’anno una linea ecosostenibile grazie alla collaborazione dell’amico e runner Don Luca Ravaglia e avrà come sottotitolo della manifestazione “Le vie del Sangiovese”, per ricordare il vitigno che accomuna il territorio percorso dai runner sull’Appenino e che dà origine a vini importanti.